CAUSARUM COGNITIO

CAUSARUM COGNITIO - CENTRO STUDI ADRIA-DANUBIA

Il Centro Studi Adria-Danubia (CESAD) promuove e coordina lo studio della realtà storico-culturale centroeuropea con particolare riferimento all’area adriatico-danubiana, mediante contatti, scambi e un confronto approfondito tra gli studiosi delle fonti storiche, della letteratura, dell’arte, del pensiero e delle istituzioni politiche dei paesi di questa regione. Le finalità del CESAD devono essere perseguite attraverso un approccio rigorosamente scientifico, nel pieno rispetto delle varie culture, tradizioni e specificità nazionali e locali e per una pacifica convivenza in funzione di una visione culturale unitaria dell’area adriatico-danubiana.

Il CESAD è costituito da due sezioni: una interna, la Sodalitas adriatico-danubiana, e una esterna, l'Associazione Culturale Italoungherese «Pier Paolo Vergerio»

Si aderisce al CESAD versando la quota annuale di 30 €. I Soci giovani (al di sotto di 26 anni) pagano la quota ridotta di 20 € l’anno, i familiari, la quota ridotta di 15 € l'anno. L'iscrizione al CESAD comporta anche l'iscrizione gratuita all'Associazione «Vergerio».
I nuovi Soci devono compilare le schede di presentazione e trattamento dei dati personali. Si rimanda allo Statuto per la scelta della tipologia di socio.

Il Consiglio Direttivo del CESAD è composto da: Gizella Nemeth (Presidente), Adriano Papo (Vicepresidente e Tesoriere), Georgina Kusinszky (Segretario), Gianluca Volpi (Consigliere), Kristjan Knez (Consigliere)

Il Consiglio Scientifico del CESAD è composto da: Adriano Papo (Direttore), Gizella Nemeth, Gianluca Volpi, Kristjan Knez, Stefano Pilotto, Marina Petronio, Antonio D. Sciacovelli, Florina Ciure, Anita Paolicchi

Il Comitato Scientifico della rivista «Studia historica adriatica ac danubiana» è composto da: Gizella Nemeth, Adriano Papo, Kristjan Knez, Antonio D. Sciacovelli, Florina Ciure, Anita Paolicchi, Géza Pálffy

Il Comitato d'Onore della rivista «Studia historica adriatica ac danubiana» è composto da: József Bessenyei, Aurel Chiriac, Rudolf Dinu, Teréz Oborni, István Monok, Ion-Aurel Pop, Giovanni Radossi, László Szörényi, Zsuzsa Teke

Indirizzo mail:

adriadanubia@gmail.com 

 

 

SAPIENTIA SOLITUDINEM FUGIT ET PRODESSE QUAM PLURIMIS CUPIT

SAPIENTIA SOLITUDINEM FUGIT ET PRODESSE QUAM PLURIMIS CUPIT - CENTRO STUDI ADRIA-DANUBIA

L’Associazione Culturale Italoungherese «Pier Paolo Vergerio» persegue lo scopo di promuovere lo studio, la conoscenza e la diffusione della realtà storico-culturale ungherese e italiana.

 

La quota sociale annua è di 30 € per i Soci Ordinari. I Soci giovani (al di sotto di 26 anni) pagano la quota ridotta di 20 € l’anno, i familiari, la quota ridotta di 10 € l'anno. I nuovi Soci devono compilare le schede di presentazione e trattamento dei dati personali.

 

Il Consiglio Direttivo della «Vergerio» è composto da: Adriano Papo (Presidente), Gizella Nemeth (Vicepresidente e Tesoriere), Gianluca Volpi (Consigliere), Kristjan Knez (consigliere),  Georgina Kusinszky (Segretario)

Indirizzo mail:

vergerio@adria-danubia.eu

adriadanubia@gmail.com

 

LE ULTIME PUBBLICAZIONI DEL CESAD

LE ULTIME PUBBLICAZIONI DEL CESAD - CENTRO STUDI ADRIA-DANUBIA

INDICE

Introduzione: La nascita dell’Austria–Ungheria

25        Patrizia Vidoni – Alberto Gambi, Sul bel Danubio blu

31        Gianluca Pastori, Fra timori e speranze: le Grandi Potenze e la nascita della Duplice Monarchia

50        Gigliola Squarzoni, L'inviolabilità del dualismo austroungarico. Il peso dell'Ungheria nei tentativi di ristrutturazione dell’Im-pero  

71        Gizella Nemeth – Adriano Papo, Il conflitto delle nazionalità in Transleitania all’epoca della monarchia dualista

86        Paolo Marz, Il dualismo austroungarico nell’apparato militare: le forze armate comuni e gli ‘eserciti nazionali’

134     William Klinger, Un capitolo della Questione d’Oriente: il    Corpus separatum di Fiume

160     Alessandro Rosselli, L’Ausgleich austroungarico del 1867: un tentativo di sintesi storiografica

170     Gizella Nemeth – Adriano Papo, Economia, società e cultura in Ungheria all’epoca della monarchia dualista

188     Antonio Donato Sciacovelli – Eliisa Pitkäsalo, Realtà e fate morgane: la lettura del Compromesso del 1867 nell’Eroe dei miraggi di László Arany 

 201     Epilogo: Gli ultimi giorni dell’Austria–Ungheria 

 

LE ULTIME PUBBLICAZIONI DEL CESAD

LE ULTIME PUBBLICAZIONI DEL CESAD - CENTRO STUDI ADRIA-DANUBIA

INDICE

7        Introduzione

21     Gianluca Pastori, Maria Teresa, gli Asburgo, l'Europa: le radici di un nuovo equilibrio

39     Gizella Nemeth – Adriano Papo, ‘Una devotissima Ungheria’. L’aiuto dei nobili magiari alla regina Maria Teresa 

48     Gianluca Volpi, L’imperatrice in armi. Maria Teresa, gli ungheresi e il consolidamento dell’esercito permanente asburgico

79     Paolo Marz, Realizzazioni e progetti per la difesa permanente del porto di Trieste in età teresiana

  • 18/11/2018
  • Invia a un amico